Le 5 Chiavi del Cambiamento. Come superare le resistenze emotive

Cosa ci permette di realizzare il cambiamento? Prima di tutto è importante capire cosa ci impedisce di cambiare. Conoscere le dinamiche che abitano la nostra mente è utile per poterle gestire al meglio.

In questo articolo sono elencate le 5 chiavi del cambiamento. Le 5 strategie per vincere le paure e aprire le porte che separano dall’auto-realizzazione.

cambiamento

“L’unica costante della vita è il cambiamento.”
Buddha

Accade spesso che quando si desidera con grande forza un cambiamento nella propria vita, iniziano a spuntare nella mente dubbi e incertezze, capaci di impedire qualsiasi azione che potrebbe portare verso qualcosa di migliore.

La paura del fallimento ma anche del successo può esercitare una grande forza su di noi. Allo stesso tempo però abbiamo la possibilità di superare le paure, evitando di farci bloccare in una situazione di stallo o di sofferenza.

La paura del cambiamento:

cambiamento-resistenze-emotive

Ogni cambiamento suscita delle resistenze. Cambiare significa passare da una situazione nota (anche se fonte di sofferenza) ad un’altra situazione per lo più sconosciuta.

Il cambiamento implica una rottura di uno schema, di un modo di essere e di funzionare, ormai familiare, per passare ad un altro del tutto nuovo ed estraneo.

La nostra mente è abitudinaria per natura e dunque cambiare le costa energia e sforzo, per questo resiste. Tendiamo quindi a mantenere un equilibrio, anche quando questo non è più funzionale al nostro benessere. Può sembrare paradossale ma tendiamo ad abituarci alla sofferenza e persino ad affezionarci ai nostri problemi.

“Il cambiamento non è mai doloroso.
Solo la resistenza al cambiamento lo è.

Buddha

Superare la tendenza all’evitamento:

cambiamento-paura

Quando agire spaventa o le insicurezze prendono il sopravvento la prima tentata soluzione è l’ evitamento delle situazioni nuove. Accade spesso che si inizia ad evitare qualsiasi situazione che metta a rischio la propria sicurezza psicologica.

Si finisce per rinchiudersi in una campana di vetro dove ci si sente al sicuro ma non si evolve.

L’evitamento è una trappola pericolosa. Fuggendo dalle situazioni stressanti si dichiara a se stessi la propria inadeguatezza.

Questo non fa altro che aumentare maggiormente paure ed insicurezze. L’evitamento rende ancora più fragili. Se vuoi saperne di più su questo argomento leggi questo articolo sugli attacchi di panico.

Evitare di evitare è una possibile soluzione strategica. Le paure se affrontate diventano meno minacciose. Solo facendo esperienza, agendo e facendo errori si può imparare, crescere ed acquisire sicurezza in se stessi.

 

Le 5 Chiavi del Cambiamento: 

Come evitare di ritrovarsi bloccati dalle proprie paure o paralizzati di fronte alle decisioni da prendere? Come smettere di rimandare le scelte importanti e le azioni che possono generare i cambiamenti desiderati? Cosa fare quando le insicurezze intralciano il cambiamento?

Ecco di seguito 5 strategie per iniziare a prendere in mano le redini della propria vita.

cambiamento-le-5-chiavi

“Non posso certo dire che sarà meglio quando sarà diverso, ma posso dire: è necessario che cambi, se deve migliorare.”
Georg Cristoph Lichtenberg

1. LA PAURA PEGGIORE

Prova a credere per un momento che se non farai niente di differente non potrà accadere nulla di diverso nella tua vita. Niente può rimanere fermo, quindi se la tua situazione non sarà migliorata con il passare del tempo puoi presumere che in futuro sarà peggiore.

Sfruttando l’idea che la paura più grande scaccia la paura più piccola, ogni volta che dubbi e insicurezze ti assalgono puoi farti questa domanda:

Cosa succederebbe se non cambiassi nulla?

Immagina in che modo potrebbe peggiorare la situazione tra 6 mesi..1 anno..10 anni.. Cosa succederebbe se continuassi a non modificare la tua condizione di insoddisfazione sofferenza che stai vivendo.

Cosa accadrebbe se continuassi a fare le stesse cose che stai facendo ogni giorno e che molto probabilmente ti hanno portato proprio dove sei ora?

2. IL POTERE DELLA RESPONSABILITÀ

cambiamento-resilienza

“Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla.”
Martin Luther King

Possiamo esercitare il controllo su molte situazioni della nostra vita. Altri eventi, invece, accadono al di là della nostra volontà. Su di essi non abbiamo alcun potere.

Ma in tutti i casi ciò che fa la differenza è sentirsi responsabili di reagire a ciò che ci accade nel modo migliore che possiamo.

Incolpare gli altri, se stessi o il fato per ciò che ci accade o ci è accaduto si chiama “impotenza appresa”. E’ un modello di pensiero e non un tratto di personalità e quindi può essere modificato.

Per farlo prova a spostare l’attenzione su “cosa” puoi fare di concreto per affrontare la situazione che desideri cambiare, invece che orientare i pensieri sul “perché” le cose stanno andando in un certo modo.

3. LA MAGIA DELLE PAROLE

“Attento mentre parli. Con le tue parole tu crei un mondo intorno a te.”
Proverbio Navajo

 

Le parole sono i mattoni del cambiamento, possono modificare la percezione delle cose. Cosa ti dici e come ti parli? Diventare consapevole delle parole che utilizzi per parlare a te stesso e per descrivere ciò che ti accade è un passaggio fondamentale.

Se desideri diventare il protagonista della tua vita dovrai prendere le redini della tua mente e imparare ad ascoltare il tuo mondo interiore. Solo così potrai gestire emozioni e reazioni agli eventi ed agire in modo consapevole e mirato verso la realizzazione dei tuoi obiettivi.

 

4. LE ABITUDINI POTENZIANTI

“Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose.”
Albert Einstein

La scienza ci suggerisce che le abitudini arrivano in punta di piedi, senza chiedere il permesso e, prima che noi possiamo rendercene conto, entrano nella nostra vita.

Se questo è vero per le abitudini dannose è altrettanto vero per le abitudini potenzianti. Possiamo quindi sfruttare questa informazione a nostro vantaggio. Non tutte le abitudini sono dannose, l’importante è capire quali ci sono utili e quali stanno ostacolando la nostra evoluzione.

Dopo aver riconosciuto levecchie abitudini, che ci porterebbero fuori dal percorso desiderato, è necessario sostituirle con nuove abitudini. Come? A piccoli passi.. (Potrebbe interessarti: Cambiare abitudini per cambiare vita)

 

5. L’ARTE DEI PICCOLI PASSI

cambiamento-piccoli-passi

Se inserisci piccoli cambiamenti, praticamente impercettibili, nel tuo modo di agire quotidiano, la tua mente quasi non se ne renderà conto e non alzerà i muri delleresistenze.

Pensa alle possibili nuove azioni che potresti fare diverse rispetto a quelle che fai abitualmente. Qual è la più piccola e meno faticosa? Inizia da quella e ripeti questa domanda a te stesso ogni giorno.

Piccole e costanti variazioni, a lungo andare, sono capaci di generare cambiamenti più ampi ed irreversibili.

Cambiare per credere: conoscenza vs esperienza

“Ho scoperto che imparo sempre più dai miei errori che dai miei successi. Se non fai degli sbagli, non stai cogliendo abbastanza opportunità.”
John Sculley

Perché non è sufficiente avere le corrette informazioni o le migliori intenzioni per modificare i propri comportamenti?

Le scoperte sul funzionamento e la creazione delle abitudini la dice lunga sui fattori,  tutt’altro che razionali, che entrano in gioco nei processi decisionali e nelle spinte che agiscono sui nostri comportamenti.

E’ evidente che conoscere non è un buon motivo per cambiare. Al contrario invece, cambiare è un buon motivo per conoscere. Impariamo cose nuove facendo esperienze diverse. Modifichiamo il nostro modo di pensare solo se facciamo nuove azioni che ci procurano emozioni che cambiano la nostra visione sulle cose.

Una volta aperto lo spiraglio del cambiamento, essendo basato sull’esperienza e sull’emozione, si rafforza la consapevolezza personale della propria capacità di intervenire sulla realtà. Ci si sente più capaci. A questo punto non è contemplata la possibilità di tornare indietro.

“La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente.”
Albert Einstein

 

Ti è stato utile questo articolo? Lascia il tuo commento qui sotto!

 

Lascia qui il tuo commento:

La tua email non sarà pubblicata.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Accedi gratis alla mini guida GUARIRE LE FERITE DELL'ANIMA

Inserisci la tua email qui sotto, spunta l'accettazione della privacy e premi il pulsante 'Sì, voglio la mini guida!'

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco
Scarica GRATIS la Guida per vincere gli ATTACCHI DI PANICO

Inserisci la tua email qui sotto, spunta l'accettazione della privacy e premi il pulsante 'Sì, voglio l'e-Book!'

NO SPAM! I tuoi dati sono al sicuro!

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco